Scarica il documento P.T.O.F. 

            Scarica il documento del P.A.I.

            Informazioni e documenti  R.A.V. e P.d.M.

            Patto Educativo di Corresponsabilità

           Griglia di valutazione del comportamento

           Griglie di valutazione

 

Piano Triennale dell'Offerta Formativa

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF), introdotto dalla legge n.107/2015, ha sostituito il POF.

E' un documento elaborato dal Collegio Docenti, sulla base degli indirizzi di studio, le attività della scuola, le scelte di gestione ed amministrazione definiti dal Dirigente Scolastico e deve essere approvato dal Consiglio di Istituto.

Nella stesura del documento del PTOF le linee guida  inviate dal MIUR lasciano libera autonomia progettuale alle scuole, mentre si soffermano sulle indicazioni e gli  aspetti che devono entrarne a far parte e danno dei suggerimenti su alcuni aspetti fondamentali, fra cui l'autovalutazione, le priorità, i traguardi, gli obiettivi che la scuola si pone. L'elaborazione del PTOF deve, quindi, ricercare coerenza con il rapporto di autovalutazione (RAV) e il piano di miglioramento (PDM).

Il PTOF è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia. E' quindi un documento di:

1.   mediazione tra gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi ed indirizzi di studi determinati a livello nazionale e le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell’offerta formativa;

2.   progettazione di attività curriculari ed extracurriculari con progetti che mirano ad integrare, ampliare ed arricchire l’offerta formativa aprendo la comunità scolastica all’utenza ed agli enti locali;

3.    identità dell’istituto che definisce il quadro delle scelte e delle finalità di politica scolastica;

4.    riferimento che regola la vita interna dell’istituto ed organizza le proprie risorse di organici, attrezzature e spazi;

5.    impegno di cui l’istituto si fa carico nei riguardi del personale, dell’utenza e del territorio.

 

Rapporto di Autovalutazione e Piano di Miglioramento

Dall'anno scolastico 2014/2015 tutte le scuole del sistema nazionale di istruzione (statali e paritarie) sono coinvolte nel processo di autovalutazione e devono elaborare il documento del Rapporto di Autovalutazione (RAV), da rendere pubblico sul proprio sito web e sul portale del Ministero.

L’autovalutazione, prima fase del procedimento di valutazione, è un percorso di riflessione interno ad ogni scuola autonoma finalizzato ad individuare concrete piste di miglioramento, grazie alle informazioni qualificate di cui ogni istituzione scolastica dispone.

Tale percorso non va considerato in modo statico, ma come uno stimolo alla riflessione continua, con il coinvolgimento di tutta la comunità scolastica, sulle modalità organizzative, gestionali e didattiche messe in atto nell’anno scolastico di riferimento.

L’autovalutazione, da un lato, ha la funzione di fornire una rappresentazione della scuola attraverso un’analisi del suo funzionamento, dall’altro, costituisce la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare nel prossimo anno scolastico il piano di miglioramento.

È opportuno evidenziare come il Rapporto di autovalutazione offra primi strumenti di analisi della realtà scolastica, strumenti da discutere, regolare e consolidare nel tempo grazie alla fattiva collaborazione e al costante confronto tra le istituzioni scolastiche, gli Uffici Scolastici Regionali e il Ministero, facendo tesoro anche delle esperienze realizzate.

Per maggiori informazioni consultare i seguenti articoli:

 

 Linee guida Piano di formazione triennio 2015-2017

 

 

 Nota 2815 dell'11-12-2015

 

 

 Sistema Nazionale di Valutazione

 

 

 Orientamenti per l'elaborazione del RAV

 

 

Accesso al registro elettronico

Albo on line

albo on line

 

Dove siamo

Sede centrale:

Seguici su Facebook

Go to top